Può l’attività fisica eliminare l’associazione tra il tempo che passiamo seduti e il rischio di mortalità?

Può l’attività fisica attenuare, o anche eliminare, l’associazione tra il tempo che passiamo seduti e il rischio di mortalità? Meta-analysis

La salute è direttamente correlata con il livello di attività fisica che svolgiamo quotidianamente. Per movimento si intendono tutti qui movimenti di spostamento che ci accompagnano durante la giornata, come alzarsi e sedersi, camminare, correre, pedalare, svolgere movimenti con gli arti superiori, e qualsiasi altro movimento che produca una contrazione volontaria del nostro apparato muscolare.

Conclusione di una meta-analisi misurata su più di un milione di uomini e donne: stare seduti per più di 8h/giorno senza fare attività fisica è simile come fumare e essere obesi in termini di rischio di mortalità.

Se per un lungo periodo di tempo ogni giorno rimani seduto (lavoro, trasporto, relax, etc), è importante essere fisicamente attivi durante la giornata.

60-75 minuti di attività fisica moderata al giorno sembrano eliminare l’aumento del rischio di mortalità associato nello stare seduti per lungo tempo.

Secondo le linee guida internazionali, per attività fisica moderata si intende:

  • 55-70% della frequenza cardiaca massima (FCmax);
  • 40-60% della frequenza cardiaca di riserva o del massimo consumo di ossigeno (VO2max);
  • 3 < 6 METs (Metabolihams Equivalent)

sitting time mortality attività fisica sedentarietà

Ulteriore esempio del tempo passato seduto e varie cause riguardanti il rischio di mortalità nella popolazione Australiana.

Questi dati sono stati estrapolati dalla meta-analysis pubblicata su The Lancet, potete scaricare il paper completo al seguente link: Pubmed